giovedì 3 settembre 2009

Patatine fritte e acrilammide


Oggi è stata proposta dall’UE di aggiungere alla lista delle sostanze chimiche pericolose l’acrilammide.

Per la verità, avevamo già segnalato circa un anno fa, la tossicità di questa sostanza presente in una grande quantità di alimenti, forse se ne sono resi conto anche gli esperti di sicurezza alimentare. Un motivo in più per seguire il nostro portale.

ABSTRACT
L’Unione europea ha presentato una proposta di aggiungere l’acrilammide chimica a un elenco di sostanze estremamente preoccupanti.

L’acrilammide è una delle 15 sostanze presentate ieri dalla Agenzia europea delle sostanze chimiche (ECHA) per l’inclusione nella lista dei prodotti chimici pericolosi, dopo la preoccupazione che è stata espressa da parte degli Stati membri dell’Unione europea e l’Agenzia europea dell’ambiente (AEA).

L’acrilammide è stata elencata come cancerogena di categoria 2 e mutagena di categoria 2.

L’ECHA ha chiesto commenti e proposte da tutte le parti interessate entro il 15 ottobre, 2009. Dovrebbe essere presa in considerazione l’opportunità di decidere se aggiungere il prodotto chimico nella lista dei candidati da cui le sostanze vengono selezionate per l’autorizzazione. Le decisioni dovrebbero concentrarsi sulle caratteristiche di pericolosità accertata dell’acrilammide.

L’iniziativa europea arriva sulla scia della decisione del Canada il mese scorso per aggiungere l’acrilammide ad un elenco di sostanze tossiche. Health Canada ha confermato di aver posto la sostanza su Schedule 1 della Canadian Environmental Protection Act, 1999, al fine di ridurre al minimo l’esposizione del pubblico alla sostanza chimica che, il ministro della Salute Leona Aglukkaq ha detto, “Può costituire un rischio per la salute umana”.

L’acrilammide venne alla ribalta per la prima volta nel 2002, quando gli scienziati svedesi della Food Administration riportarono inaspettatamente elevati livelli di acrilammide negli alimenti ricchi di carboidrati e di elementi di prova pubblicati che collegarono l’acrilammide al cancro in topi di laboratorio.

La maggior parte dell’acrilammide è utilizzata nella produzione di polimeri che vengono poi utilizzati per la fabbricazione di imballaggi alimentari. Ma la fonte primaria di esposizione per l’uomo è da cibo.

La US Food and Drug Administration (FDA) ha anche detto la settimana scorsa che ha l’intenzione di emanare linee guida sul contenuto di acrilammide negli alimenti e ha pubblicato un avviso nel registro federale per raccogliere i commenti da parte dell’industria sulla questione.

Il Vicecapo della FDA David Horowitz ha detto che nuovi elementi di prova stanno ora emergendo sulle sue potenziali ripercussioni sulla salute, e questo potrebbe contribuire a formare la base di nuovi orientamenti.

“FDA non ha fornito indicazioni per i produttori come ridurre l’acrilammide negli alimenti” ha detto. “Tuttavia, si prevede che le nuove informazioni saranno presto disponibili circa la tossicologia dell’acrilammide, e potranno confermare la cancerogenicità dell’acrilammide in animali da laboratorio”.

L’acrilammide è una sostanza che si forma naturalmente negli alimenti a seguito di processi di cottura ad alta temperatura (es. cottura al forno, griglia o frittura). L’acrilammide provoca il cancro negli animali e secondo gli esperti è molto probabile che lo induca anche nell’uomo. Sebbene l’acrilammide sia probabilmente parte della dieta fin da quando l’uomo ha cominciato a cuocere i cibi, gli esperti a livello mondiale hanno raccomandato una riduzione del suo tenore negli alimenti, dati i timori che questa sostanza suscita sotto il profilo della sicurezza.

Si è riscontrata la presenza di acrilammide in una vasta gamma di alimenti, tra quelli preparati a livello industriale. Tale sostanza è stata rilevata in particolare nelle patate fritte e nelle patatine tipo chips.

Modalità di formazione

  • L’acrilammide si forma da una reazione tra l’asparagina e degli zuccheri riducenti (entrambi presenti naturalmente nelle patate).
  • L’acrilammide si forma a temperature superiori a 120 °C.
  • La quantità di acrilammide che si forma dipende:
    • dalla temperatura;
    • dal tempo di cottura;
    • dalla quantità di asparagina e zuccheri riducenti nelle patate.

Altri cibi industriali con una rilevante quantità di acrilammide sono:

  • cornflakes
  • müsli
  • pane
  • wafer
  • torte
  • cioccolato lavorato
  • pop corn
  • crackers

e naturalmente patatine fritte e chips sopra tutti.

[fonti: Austria /Graz University of Technology, Institute of Food Chemistry and Technologie - Finland / Finnish Food and Drink Industries’ Federation, the National Veterinary and Food Research Institute and the National Food Agency - Germany / Federal Office of Consumer Protection and Food Safety (BVL)]


Fonte : http://www.43zero58.com/?p=303

http://www.43zero58.com/?p=942

2 commenti: